Liceo "Giordano Bruno" di Arzano - Grumo Nevano

 

 

DVR Rimodulazione delle misure contenitive del rischio contagio per lo svolgimento dell’Esame di Stato

da | Mag 19, 2020 | Albo Sindacale, Esame di Stato 2019/2020, SICUREZZA | 0 commenti

PREMESSA
Il presente fascicolo integra l’analisi e la valutazione del rischio da contagio da SARS-CoV-2 prodotto dall’Istituzione scolastica in epigrafe ed è finalizzato alla definizione delle misure di tutela per i soggetti coinvolti nell’’Esame di Stato che si terrà “in presenza” negli ambienti in uso all’Istituto, a partire dal prossimo 17 giugno.

Questo aggiornamento attua la statuizione di cui all’art. 18, comma 1, lettera r) del D. Lgs 9 aprile 2008, n° 81 e s.m.i., che recita: “// datore di lavoro, che esercita le attività di cui all’articolo 3, e i dirigenti, che organizzano e dirigono le stesse attività secondo le attribuzioni e competenze ad essi conferite, devono aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione”, nel recepire il “Documento tecnico sulla rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico per lo svolgimento dell’esame di stato nella scuola secondaria di secondo grado”, approvato dal Comitato Tecnico Scientifico, istituito (CTS) con Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n° 371 del 5 febbraio 2020 e ridefinito O.C.D.P. C. n°663 del 18 aprile 2020.

In coerenza con il richiamato Documento tecnico appare appena il caso di precisare che quanto di seguito analizzato, valutato e definito non può prescindere o surrogare la collaborazione attiva di studenti e famiglie, che dovranno continuare a mettere in pratica i comportamenti generali previsti per il contrasto alla diffusione dell’epidemia, nel contesto di una responsabilità condivisa e collettiva, nella consapevolezza che la possibilità di contagio da SARS CoV-2 rappresenta un rischio ubiquitario per la popolazione.

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE INTEGRATA
La metodologia di valutazione che sostiene l’analisi, la valutazione e la definizione delle misure di tutela è quella utilizzata nell’“Addendum analisi e valutazione Rischio Biologico DVR” redatto da questa Istituzione scolastica, basatasi sul “Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione”, adottato dal CTS e pubblicato dall’INAIL (Inail 2020).

In tale ambito, il rischio connesso al settore ATECO di riferimento (Istruzione) è attribuito un livello di rischio integrato medio-basso ed un rischio di aggregazione medio-alto.

STRATEGIA DI PREVENZIONE
In considerazione dell’attuale previsione di annullamento delle misure di limitazione della mobilità durante l’esame di stato, fermo restando le misure di igiene e di distanziamento sociale, è necessario valutare l’impatto della motilità delle persone e dunque eventualmente del virus sull’esame di stato. A tal fine si prevede l’utilizzo di ambienti che consentano alla Commissione degli esami e ai candidati di accedere separatamente dall’esterno, scaglionando le convocazioni e suggerendo, altresì qualora possibile, l’utilizzo del mezzo propri.

Le azioni previste per la prevenzione del rischio di infezione SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro possono essere cosi classificate:

  • Misure di prevenzione e protezione
  • Misure organizzative.

MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE
Le misure di prevenzione sono tese all’eliminazione e nell’impossibilità di riduzione del rischio alla fonte dell’eliminazione del rischio. Le misure di protezione sono quelle finalizzate alla gestione del rischio per il contenimento della sua magnitudo.

MISURE PER L’IGIENE PERSONALE
AI fine di permettere l’igiene frequente delle mani In via preliminare, nei disimpegni sono già stati collocati dispenser di soluzione idroalcolica e tuttavia si prevede di integrare tale dotazione con la collocazione di n. 1 dispenser in corrispondenza dell’accesso a ciascun locale destinato allo svolgimento della prova d’esame.

I componenti della commissione, il candidato, l’accompagnatore e qualunque altra persona che dovesse accedere al locale destinato allo svolgimento della prova d’esame dovrà procedere all’igienizzazione delle mani in accesso. Pertanto NON è necessario l’uso di guanti.

ORGANIZZAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI E MISURE DI PREVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELL’ESAME
Per quanto possibile, si procederà a separare i flussi in ingresso e in uscita, mantenendo ingressi e uscite aperti.
La selezione degli ambienti scolastici per lo svolgimento degli esami di stato ha seguito i seguenti criteri:

  • massima superficie disponibile, al fine di consentire il distanziamento di seguito specificato;
  • dotazione di finestre per garantire il sufficiente ricambio d’aria attraverso una regolare ed adeguata aerazione naturale.

Gli impianti di ventilazione e di condizionamento saranno spenti per l’intero periodo degli esami.

L’assetto di banchi/tavoli e di posti a sedere destinati alla commissione garantisce un distanziamento, anche in considerazione dello spazio di movimento, non inferiore a 2 metri. Analogo standard minimo di distanziamento di 2 metri. viene garantito al candidato (compreso lo spazio di movimento) dal componente della commissione più vicino. Le stesse misure minime di distanziamento sono assicurate anche per l’eventuale accompagnatore ivi compreso l’eventuale Dirigente tecnico in vigilanza.

Si precisa che le misure di distanziamento messe in atto durante le procedure di esame (uso mascherina e distanziamento di almeno 2 metri) non configurerà situazioni di contatto stretto così come definito dalla Circolare del Ministero della Salute del 9 marzo 2020, precisamente:

  • una persona che vive nella stessa casa di un caso di COVID-19;
  • Una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso di COVID-19 (per esempio la stretta di mano);
  • Una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso di COVID-19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati);
  • Una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso di COVID-19, a distanza minore di 2 metri e di durata maggiore a 15 minuti;
  • Una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d’attesa dell’ospedale) con un caso di COVID-19 per almeno 15 minuti, a distanza minore di 2 metri;
  • un operatore sanitario od altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso di COVID19 oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso di COVID-19 senza l’impiego dei DPI raccomandati o mediante l’utilizzo di DPI non idonei;
  • Una persona che abbia viaggiato seduta in aereo nei due posti adiacenti, in qualsiasi direzione, di un caso di COVID-19, i compagni di viaggio o le persone addette all’assistenza e i membri dell’equipaggio addetti alla sezione dell’aereo dove il caso indice era seduto (qualora il caso indice abbia una sintomatologia grave od abbia effettuato spostamenti all’interno dell’aereo, determinando una maggiore esposizione dei passeggeri, considerare come contatti stretti tutti i passeggeri seduti nella stessa sezione dell’aereo o in tutto l’aereo).

Il collegamento epidemiologico può essere avvenuto entro un periodo di 14 giorni prima dell’insorgenza della malattia nel caso in esame.

Ad ogni locale assegnato alla ciascuna Commissione di esame sarà destinato un collaboratore scolastico per la vigilanza dell’attuazione delle misure di sicurezza organizzative, oltre che per intervenire in caso di necessità (ad es. apertura e chiusura delle finestre per l’aerazione).

E’ stato individuato un ambiente, attiguo all’ingresso dell’edificio scolastico dedicato all’accoglienza e isolamento di eventuali soggetti (candidati, componenti della commissione, altro personale scolastico) che dovessero manifestare una sintomatologia respiratoria e febbre. In tale evenienza il soggetto verrà immediatamente condotto nel predetto locale in attesa dell’arrivo dell’assistenza necessaria attivata secondo le indicazioni dell’autorità sanitaria locale. Verrà altresì dotato immediatamente di mascherina chirurgica qualora dotato di mascherina di comunità.

MISURE DI PULIZIA E DI IGIENIZZAZIONE
I collaboratori scolastici procederanno alla pulizia quotidiana dei locali destinati all’effettuazione dell’esame di stato, ivi compresi androne, corridoi, bagni, uffici di segreteria e ogni altro ambiente che si prevede di utilizzare, seguendo le indicazioni dell’ISS previste nel documento dell’8 maggio 2020 nella sezione relativa a “Opzioni di sanificazione tutti i tipi di locali’, precisamente:

  • USO diversificato delle attrezzature per pulire spazi frequentati dal pubblico e spazi per i dipendenti;
  • pulizia almeno giornaliera delle superfici più toccate. Esempi di queste superfici sono maniglie e barre delle porte, delle finestre, sedie e braccioli, tavoli/banchi/cattedre, interruttori della luce, corrimano, rubinetti dell’acqua, pulsanti di attivazione delle cassette di risciacquo dei w.c., pulsanti dell’ascensore, tastiere dei telefono, dei computer e del copiatore, distributori automatici di cibi e bevande, ecc.;
  • pulizia delle superfici e degli arredi/materiali scolastici utilizzati nell’espletamento della prova al termine di ogni sessione di esame (mattutina/pomeridiana), in aggiunta alle suindicate operazioni di pulizia quotidiane.

Giacché non si hanno evidenze a tutt’oggi di frequentazioni dei locali scolastici da parte di soggetti per i quali sia stato sospettato o confermato il contagio da COVID-19, la pulizia sarà operata ricorrendo a un detergente neutro per la pulizia di superfici. Naturalmente, se dalla data di stesura del presente documento fino all’avvio degli esami in parola o durante lo stesso esame si registrasse un caso sospetto o confermato di COVID-19, si procederà alla sanificazione degli ambienti con soluzione di ipoclorito di sodio all’1% e, per le superfici più delicate, etanolo al 70%, in conformità al protocollo indicato nella sezione “Pulizia di ambienti non sanitari della Circolare del Ministero della Salute n° 5443 del 22 febbraio 2020.

La pulizia di servizi igienici sarà comunque operata con soluzione a base di ipoclorito di sodio allo 0,1% di cloro attivo o altri prodotti virucidi autorizzati, seguendo le istruzioni per l’uso fornite dal produttore.

Il personale impegnato nella pulizia ambientale indosserà, previo lavaggio delle mani, i dpi indicati nella citata Circolare n° 5443, coordinando gli stessi con le indicazioni forniti dal produttore dei prodotti chimici utilizzati. Analogamente, il personale di pulizia procederà all’igiene delle mani ogni qualvolta rimuoveranno i propri i dpi, seguendo peraltro le corrette indicazioni riportate nel surrichiamato “Addendum analisi e valutazione Rischio Biologico DVR” redatto da questa Istituzione.

Il materiale di pulizia sarà adeguatamente pulito alla fine di ogni sezione di pulizia.

Il materiale di scarto prodotto durante la pulizia sarà collocato nei rifiuti indifferenziati.

MISURE ORGANIZZATIVE
MISURE PREVISTE PER | COMPONENTI DELLA COMMISSIONE D’ESAME
Ciascun componente della commissione convocato per l’espletamento delle procedure per l’esame di stato dovrà dichiarare (Allegato 1):

  • l’assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre superiore a 37.5°C nel giorno di avvio delle procedure d’esame e nei tre giorni precedenti;
  • di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  • di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

Nel caso in cui per il componente della commissione sussista una delle condizioni soprariportate, lo stesso sarà sostituito secondo le norme generali vigenti; nel caso in cui la sintomatologia respiratoria o febbrile si manifesti successivamente al conferimento dell’incarico, il commissario non dovrà presentarsi per l’effettuazione dell’esame, comunicando tempestivamente la condizione al Presidente della commissione, al fine di avviare le procedute di sostituzione nelle forme previste dall’ordinanza ministeriale ovvero dalle norme generali vigenti.

La commissione dovrà assicurare all’interno del locale di espletamento della prova la presenza di ogni materiale/sussidio didattico utile e/o necessario al candidato.

I componenti della commissione dovranno indossare per l’intera permanenza nei locali scolastici mascherina chirurgica che verrà fornita dal Dirigente Scolastico che ne assicurerà il ricambio dopo ogni sessione di esame (mattutina /pomeridiana).

MISURE PREVISTE PER I CANDIDATI
Ai fini della sostenibilità e della prevenzione di assembramenti di persone in attesa fuori dei locali scolastici, consentendo la presenza per il tempo minimo necessario, la convocazione dei candidati avverrà secondo un calendario e una scansione oraria predefinita.

Il calendario di convocazione sarà comunicato preventivamente sul sito istituzionale e con mail al candidato tramite registro elettronico seguita da verifica telefonica dell’avvenuta ricezione.

Il candidato, qualora necessario, potrà richiedere alla scuola il rilascio di un documento che attesti la convocazione e che gli dia, in caso di assembramento, precedenza di accesso ai mezzi pubblici per il giorno dell’esame.

AI fine di evitare ogni possibilità di assembramento il candidato dovrà presentarsi a scuola 15 minuti prima dell’orario di convocazione previsto e dovrà lasciare l’edificio scolastico subito dopo l’espletamento della prova.

Il candidato potrà essere accompagnato da una persona.

All’atto della presentazione a scuola il candidato e l’eventuale accompagnatore dovranno produrre un’autodichiarazione (Allegato 1) attestante:

  • l’assenza di sintomatologia respiratoria o di febbre superiore a 37.5°C nel giorno di espletamento dell’esame e nei tre giorni precedenti;
  • di non essere stato in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni;
  • di non essere stato a contatto con persone positive, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni.

Nel caso in cui per il candidato sussista una delle condizioni soprariportate, lo stesso non dovrà presentarsi per l’effettuazione dell’esame, producendo tempestivamente la relativa certificazione medica al fine di consentire alla commissione la programmazione di una sessione di recupero nelle forme previste dall’ordinanza ministeriale ovvero dalle norme generali vigenti.

Il candidato e l’eventuale accompagnatore dovranno indossare per l’intera permanenza nei locali scolastici una mascherina chirurgica o di comunità di propria dotazione; si definiscono, mascherine di comunità “mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

INDICAZIONI PER I CANDIDATI CON DISABILITÀ
Per favorire lo svolgimento dell’esame agli studenti con disabilità certificata sarà consentita la presenza di eventuali assistenti (es. OEPA, Assistente alla comunicazione); in tal caso per tali figure, non essendo possibile garantire il distanziamento sociale dallo studente, è previsto l’utilizzo di guanti oltre la consueta mascherina chirurgica.

Inoltre per gli studenti con disabilità certificata il Consiglio di Classe, tenuto conto delle specificità dell’alunno e del PEI, ha la facoltà di esonerare lo studente dall’effettuazione della prova di esame in presenza, stabilendo la modalità in video conferenza come alternativa.

MISURE PREVISTE PER IL PERSONALE SCOLASTICO
Tutto il personale non docente, in presenza di spazi comuni con impossibilità di mantenimento del distanziamento, dovranno indossare la mascherina chirurgica.

MISURE PREVISTE PER I LAVORATORI “ FRAGILI”
In riferimento all’adozione di misure specifiche per i lavoratori nell’ottica del contenimento del contagio da SARS-CoV-2 e di tutela dei lavoratori “fragili” si è prevista la sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori maggiormente esposti a rischio di contagio in ragione dell’età o della condizione di rischio derivante da immunodepressione, anche da patologia COVID-19, o da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o comunque da comorbilità che possono caratterizzare una maggiore rischiosità di determinati fattori, derivanti anche da patologia COVID-19.

Tale sorveglianza integra l’attività di sorveglianza sanitaria attivata nel rispetto dell’art. 18, comma 1, lettera a) del D. Lgs 9 aprile 2008, n° 81 e s.m.i., in conformità della Sezione V del medesimo decreto.

MISURE PREVISTE PER SOGGETTI NON COINVOLTI NELL’ESAME
AI fine di minimizzare gli affollamenti e le interferenze tra gruppi appartenenti a categorie diverse da quelle rappresentate dai componenti della Commissione d’esame, dai candidati e dal personale scolastico, per l’intero periodo di svolgimento degli esami sarà fatto divieto di ingresso a Scuola ad estranei (ad es. detentori della responsabilità genitoriale degli studenti per fruizione di ‘servizi di scolastici, fornitori di beni e servizi), a meno di esigenze manutentive indifferibili che saranno tuttavia gestite in coerenza con quanto stabilito nell’“Addendum analisi e valutazione Rischio Biologico DVR” redatto da questa Istituzione scolastica e nel “Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID —19 nei cantieri’, condiviso dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, ANCI, UPI, Anas S.p.A., RFI, ANCE, Alleanza delle Cooperative, Feneal Uil, Filca — CISL e Fillea CGIL.

INDICAZIONI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
Delle misure di prevenzione e protezione di cui al presente documento il Dirigente Scolastico assicura adeguata comunicazione efficace alle famiglie, agli studenti, ai componenti la commissione, da realizzare on line (sito istituzionale o webinar dedicato) e anche su supporto fisico ben visibile all’ingresso della scuola e nei principali ambienti di svolgimento dell’’Esame di Stato entro 10 gg. antecedenti l’inizio delle prove d’esame.

dvr esami di stato
ALLEGATO 1 – Autodichiarazione

 

 Liceo "Giordano Bruno" di Arzano - Grumo Nevano

 

Ufficio Relazioni con il Pubblico

  • Dirigente scolastico
    Prof.ssa Maria Luisa Buono
  • Collaboratori
    Prof.sse Maria Teresa Pavone e Aurelia Apice
  • Responsabile sede Grumo
    Prof.ssa Annamaria Di Lorenzo
  • Direttore amministrativo
    Dott.ssa Loredana Mauriello
  • Sede Arzano
    Via Volpicellli 80022 - Tel e fax 0815732625
  • Sede Grumo
    Via Capecelatro 80028 - Tel e fax 0815050028
  • email naps43000t@istruzione.it
  • PEC naps43000t@pec.istruzione.it
  • Codice Meccanografico NAPS43000T
  • Codice Fiscale 93032980638
  • Fatturazione Elettronica UFK0I6

 

© 2018 Argo Software - Portale realizzato con la piattaforma Argo Web - Template Italia configurato sul tema accessibile EduTheme V.2.0.0